lunedì 6 giugno 2016

Quando dividere i piccoli Agapornis dai genitori?

Quando è il momento di dividere i giovani Agapornis dai genitori?

Ultimamente ho ricevuto parecchie di queste domande al nostro indirizzo info@agapornisitalia.com così ho pensato di farci un articolo che possa essere di aiuto a tutti gli interessati.

Dunque quando é il momento giusto per separare i piccoli dai genitori?
Innanzi tutto dobbiamo considerare che in natura questi animali si dividono dai genitori appena raggiunta l'autonomia, quindi non sempre si possono tenere a lungo nella stessa gabbia in cattività.
Normalmente in natura vivono comunque nello stesso stormo. Come dire vicini ma lontani. Quindi possono vedersi ma meglio se in gabbie diverse.
Tutto cambia se si alleva in voliera: li le condizioni sono più simili alla vita in natura quindi si possono tranquillamente lasciare tutti assieme a patto che le dimensioni della voliera siano adeguate!
Inoltre in caso di voliera dobbiamo considerare che gli esemplari adulti formeranno delle coppie e vorranno riprodursi quindi per evitare sanguinosi litigi é bene mettere un numero di nidi doppio rispetto alle coppie.
Per maggiori informazioni su allevamento in voliera o in gabbie divise leggi il nostro articolo dedicato.

Ma a che età é giusto dividere i piccoli da mamma e papà pappagallo?
Diciamo che superati i 60 giorni di età possiamo considerare gli Agapornis autonomi.
Io comunque consiglio di lasciarli quanto più possibile con i genitori perchè anche nel periodo successivo allo svezzamento continuano ad insegnargli delle cose che altrimenti dovrebbero imparare da soli come l'uso dell'osso di seppia o l'allestimento di un nido etc...
Direi che, se non ci sono litigi, si potrebbero lasciare anche per i primi 8 mesi assieme.
Dopo di che bene separarli se la gabbia è piccola.


Per completezza di informazione ho pensato di scrivere delle tappe di crescita di un pullo di Agapornis:


0-15 gg : Il pullo è piccolissimo. Gli occhi sono ancora chiusi, quando li apre ancora non vede bene. Il corpo è rosa senza piumino. In questa fase sono fondamentali i genitori per nutrirlo, è molto difficile allevare a mano un piccolo di questa età.

16-40 gg : Il pullo è in fase di svezzamento. Il corpo diventa più scuro ed è ricoperto da un piumino morbido. Iniziano anche a comparire le prime piumette. Gli occhi si aprono e inizia a riconoscere le figure davanti a lui. A 16 giorni può iniziare l'allevamento allo stecco, si può nutrire il pullo con una siringa e l'apposito pastoncino per ottenere l'imprinting.

41-60 gg : Via via che i giorni passano il pullo si riempie sempre più di piume e penne nelle ali. Inizia a sorreggersi nelle sue gambe e i pasti artificiali con il pastoncino diventano sempre meno frequenti. Si inizia a introdurre nella dieta i primi semini di panico. Se il pappagallo è ancora nella gabbia potrebbe avventurarsi fuori dal nido (bisogna fare attenzione a farlo rientrare se non ci riesce da solo).
Arrivato a 60 giorni il pappagallino ha ormai il piumaggio sviluppato e sa fare dei piccoli balzi-voli.
Ormai potrebbe anche abbandonare il nido infatti capita spesso che in questa fase la coppia generatrice imbastisca nuovamente il nido e deponga le uova.

Spero che l'articolo vi sia piaciuto e sopratutto che sia di aiuto a molti.
Ditemi che ne pensate, potete scrivere direttamente qui sotto, cerchiamo sempre di migliorarci!
Grazie a tutti.

I tuoi commenti sono preziosi per noi, lascia un commento qui sotto :-)

 "Unisciti a questo sito" alla tua destra, potrai essere sempre informato al rilascio di nuovi articoli.

7 commenti:

  1. Complimenti per l'articolo! Ho una domanda: se ancora i piccoli non hanno compiuto 60 giorni, ma sembrano autonomi, e la femmina inizia a deporre altre uova è il caso di separarli, magari con il separatore nella stessa gabbia, in modo che il padre possa continuare a dargli da mangiare?

    RispondiElimina
  2. Ciao! Grazie del commento! Ottima domanda! Mi ero dimenticato nell'articolo di specificare questo aspetto. Direi che quanto hai scritto é molto corretto: se i piccoli hanno almeno 50 giorni e la madre inizia a deporre é bene separarli tenendoli nella stessa gabbia con un separatore. In questa maniera i piccoli sono sempre a contatto con i genitori che li possono anche nutrire ma allo stesso tempo non disturbano la madre nel nido. Questa é una cosa che può capitare frequentemente quindi ottimo consiglio!

    RispondiElimina
  3. È troppo presto togliere il nido con il piccolo che ha 40 giorni? Piu che altro per evitare che vengano deposte nuove uova, sono in fase di accoppiamento.

    RispondiElimina
  4. Si, è troppo presto a 40 giorni!
    Hai due scelte se vuoi proprio togliere il nido. O togli il nido comunque e i genitori finiranno di svezzare il piccolo nella gabbia (però c'è un rischio che venga abbandonato). Oppure finisci di svezzarlo tu con l'allevamento alo stecco utilizzando il Nutribirds A21.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per i chiarimenti e complimenti x la pagina. Il piccolo ora mangia da solo,ho deciso di tener il nido e la femmina ad oggi ha deposto il secondo uovo...speriamo bene con questa seconda cova. La prima di sei uova ne è soppravissuto solo uno.

      Elimina
  5. Complimenti anche da parte mia, i miei roseicollis hanno fatto 3 pulli, che hanno passato da poco 60 gg, la madre ha iniziato una nuova covata e il padre a volte inizia ad essere aggressivo specialmente con uno dei piccoli, vivono in una voliera di medie dimensioni, forse é il caso di dividerli?

    RispondiElimina
  6. Potrebbe essere il cosa se insistono a voler entrare nel nido dei genitori. Di che dimensioni é la voliera? Quanti esemplari contiene?

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono preziosi per noi, lascia un commento:

Segui per Email