venerdì 18 novembre 2011

Gozzi degli Agapornis novelli

-DOMANDA FRANCESCO-
Ciao mi chiamo Franceco e possiedo una coppia di agapornis, femmina personata e maschio fischer.
Hanno fatto 4 uova, 2 delle quali si sono schiuse a distanza di 4 giorni l una dall altra.
Il primo pullo nato che ora ha 8 giorni presenta il gozzo molto gonfio e giallo potrei inviarti 2 o 3 foto per capire qual è il problema?
Grazie per l attenzione.
Saluti

-RISPOSTA-
Nel tuo caso dovresti informarti meglio sul mondo degli Agaporis, in anzi tutto il tuo pullo non ha nessun problema, il gozzo gonfio è una cosa positiva, quello è il cibo che i genitori inboccano al pullo il quale lo tiene nel gozzo e lo digerisce piano piano. Quindi vai tranquillo.

Il tuo problema è che hai una coppia che non va bene, non si dovrebbero mai accoppiare personata con fischer perchè son due razze diverse e vengono fuori figli ibridi, non riproduttivi.
Immagino però che tu sia affezionato ai tuoi agapornis quindi sarà difficile dividerli ma potresti accoppiarli con altri due.
Se mi mandi delle foto ti so dire meglio razza e mutazione dei tuoi inseparabili.

-FRANCESCO-
Ciao , purtroppo ieri sera mi è morto il fischeri maschio. Come posso agire per far si che crescano i due pulli? ti mando una foto dove si vedono tutti e due però il maschio non molto in modo chiaro. poi t allego le foto del gozzo del pullo (al momento della foto aveva 8 giorni)ora sono passati 4giorni
Grazie per l attenzione.

-LUCA-
Si ti confermo che il gozzo è normalissimo. Fin che è pieno così va tutto bene in caso contrario devi nutrire il pullo se no muore.
Per via della morte del maschio non puoi fare niente. Devi lasciare che la femmina si arrangi nell allevamento dei pulli, ce la farà...


"Unisciti a questo sito" alla tua destra, potrai essere sempre informato al rilascio di nuovi articoli.

Per fare la tua domanda o partecipare a questa discussione puoi scrivere a
info@agapornisitalia.com o cliccare qui sotto su COMMENTI

Nessun commento:

Posta un commento

I tuoi commenti sono preziosi per noi, lascia un commento:

Segui per Email