giovedì 10 novembre 2011

Come tenere all'esterno d'inverno i nostri Agapornis.

-DOMANDA-
Ciao, faccio una piccola premessa
Forse mia moglie è allergica al piumaggio degli inseparabili e ho la necessità di tenerli fuori.
Su internet si trovano un mare di informazioni spesso molto contrastanti, tra chi sostiene l'assoluta necessità di tenerli in casa di inverno a temperature non inferiori a 15 gradi, altri invece sostengono il contrario.
Ho letto sulla pagina del sito, circa il controllo della vaschetta dall'acqua, per evitare che si ghiacci e sulla funzione del piumaggio (notizia molto interessante), e da ciò desumo che possono stare tranquillamente fuori anche a temperatura rigide.
Potresti dirimere la questione e suggerire magari qualche accorgimento per un inverno sul balcone senza problemi di sorta?
ti ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione e ti saluto
Guido Bassi

-RIPOSTA-
Prorpio prendendo ispirazione dall'argomento che ci è stato suggerito dal nostro lettore parliamo un po di Inseparabili e di inverno.
Sinceramente non avevo mai sentito parlare ne letto su internet di teorie che obbligano a tenere gli Agapornis in casa d'inverno.
Posso però parlare della mia esperienza diretta da allevatore, ormai da sei anni per cui abbastanza vecchiotto.
Inanzi tutto confermo che sicuramente gli inseparabili starebbero più bene in un posto dove la temperatura non scenda sotto i 15 gradi. Ma questo non significa che non vivano tranquillamente a temperature ben più basse.
Le mie coppie, sia Agapornis Fischer, sia Personata, sia Roseicollis, non hanno mai avuto problemi a passare l'inverso all'esterno e si son sempre riprodotti di più nel periodo invernale che in estate.
I pulli son cresciuti tutti normalmente e non ho avuto problemi di malattie.

Ora, ci sono due cose principali da tenere a mente se volete tenere all'esterno gli Agapornis d'inverno:

  • Serve un nylon che ripari le gabbie:
    Questo perchè i nostri inseparabili devono essere protetti dalle correnti d'aria pena si ammalano. Quindi, a meno che non abbiamo un posto molto riparato dalle correnti sarà necessario proteggere le gabbie con un nylon più possibile trasparente per fare passare la luce, non deve essere ne troppo lontano dalle gabbie ne troppo avvolgente (non permetterebbe un buon ricambio d'aria).
  • Serve sempre la vaschetta: Come mai i nostri Agapornis fanno il bagno quando fuori ci sono 5 gradi? Come abbiamo già detto lo fanno per mantenere il piumaggio pulito e morbido in modo da essere isolati dal freddo.
Inoltre in questi mesi invernali aumentiamo le calorie nell'alimentazione dei nostri pappagalli, aumentando i semi di girasole (senza esagerare) , il pastoncino all'uovo, biscotti per pappagalli.

Al contrario di quello che farebbero pensare le loro origini africane, gli Agapornis sono abituati per natura a vivere in un abitat fresco, infatti molte specie provengono dagli altipiani dell'Africa del sud o della Tanzania dove le temperature possono essere piuttosto basse.

Vi ricordate il clima durante alcune partite della nostra nazionale al campionato del mondo 2010 tenuto in Sud Africa?


In fine voglio ricordare che per chi avesse problemi con i propri Inseparabili a causa di temperature troppo rigide in inverno esiste da ormai un annetto un riscaldatore adatto proprio ai nostri Agapornis, si chiama appunto ScalaNido (della Betta Technology).
Può essere applicato o all'interno del nido (sotto l'imbottitura) o all'esterno del nido (nella parte inferiore) ha una temperatura regolabile e quindi può "stemperare le rigide temperature invernali in caso di nascita dei pulli. 
In quei momenti in cui la madre esce per nutrirsi mantiene una temperatura può stabile ma sopratutto aiuta la madre a mantenere una temperatura adatta all'interno del nido. A volte infatti mi è capitato che vi siano stati dei problemi nelle uova in cova perchè la temperatura non era adatta. Questo scaldanido può inoltre essere utilizzato per scaldare una camera calda se dovessimo allevare allo stecco dei piccoli Agapornis.

Detto questo, buon allevamento a tutti e mi raccomando attenzione alla salute dei vostri Agapornis!
"Unisciti a questo sito" alla tua destra, potrai essere sempre informato al rilascio di nuovi articoli.

Per fare la tua domanda o partecipare a questa discussione puoi scrivere a
info@agapornisitalia.com o cliccare qui sotto su COMMENTI

8 commenti:

  1. Quindi gli agapornis tollerano bene il freddo, ovviamente con gli accorgimenti che sappiamo. Quello che non sappiamo è: "Quale è la temperatura al di sotto o al di sopra della quale non possono vivere "????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai al di sotto dei 0 gradi.

      Elimina
  2. Buona sera ho due roseicollis che mi hanno venduto come coppia ma in realta' sono due maschi, li ho fatti sessare la settimana scorsa e il risultato è stato questo. Siccome mi sono affezionato e vorrei farli roprodurre mi chiedevo se comprando una o due femmine potrei inserirle nella stessa gabbia, praticamente formare due coppie che convivano insieme

    RispondiElimina
  3. Se la gabbia é molto spaziosa si puoi. Almeno 100x120x100.

    Se hai due coppie metti tre nidi

    RispondiElimina
  4. Sono un soggetto allergico, leggendo su internet ho trovato diverse "classificazioni" dei pappagallini per "polverina" rilasciata (la sostanziale causa di allergie). molte testimonianze parlavano di inseparabili come specie molto poco allergenica, è così? perdono poca "polverina" così come ho letto in giro? Conosce molte persone allergiche a questo tipo di pennuti? Grazie e Saluti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo non posso rispondere, forse dovresti sentire un veterinario aviario o un medico.

      Elimina
  5. Salve i miei inseparabile hanno fatto due uova a luglio ma non le hanno portate a buon fine, come faccio per farli riprodurre? Se mi può dare qualche consiglio..
    È un anno che li ho.
    Grazie

    RispondiElimina
  6. Ciao! I tuoi agapornis potrebbero essere alle prime armi con la riproduzione e quindi devono fare esperienza. A volte capita che la femmina alle prime covate non riesca a portare a termine la cova. Inoltre luglio non É un buon periodo per la riproduzione. In estate fanno la muta e si stressa o di più. Meglio se gli fai fare un mese di riposo e poi provi a rimettere il nido, in inverno le cose vanno meglio. Se li tieni all'esterno puoi usare uno ScaldaNido se la temperatura va sotto zero.

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono preziosi per noi, lascia un commento:

Segui per Email