giovedì 14 gennaio 2010

Come costruire una camera calda o incubatrice artigianale per pappagallini Agapornis

Salve oggi parliamo di come si può costruire in casa un incubatrice da usare come camera calda per lo svezzamento a mano degli Agapornis.
Spesso ho visto usare camere calde artigianali inadatte alle caratteristiche degli agapornis, io riporto la mia esperienza, una scatola calda essenziale senza troppe finiture ma funzionale..con un progetto semplice che ha sempre funzionato ed è stato di semplice realizzazione.
Prima di iniziare consiglio a tutti gli allevatori alle prime armi, ma anche agli esperti che vogliano un approfondire la loro conoscenza, di leggere questo libro:" Il manuale dei pappagalli. Allevamento. Riproduzione. Varietà". Qui è raccolto un po tutto quello che bisogna sapere per allevare al meglio il vostro pappagallo.
  • Inanzi tutto procuriamoci un contenitore di legno, tipo un cassetto profondo almeno 15 centimetri e largo 30-40 cm. L'importante è che non sia troppo largo perchè il calore potrebbe dissiparsi. deve essere aperto sopra in maniera che sia comodo accedere ai pulli in esso contenuti.
  • Procurarsi quindi un pannello di plexgass di dimensioni pari alla superficie superiore del contenitore.
  • Creare due solchi in due lati opposti del contenitore ad un centimetro dal limite superiore in modo da potervi infilare il pannello di plexiglass, in alternativa si può fissare il pannello di plexiglass da un lato del contenitore in modo da usarlo come un coperchio.

  • Procurarsi un termostato ambiente ed applicarlo all'interno della scatola quindi collegarvi una lampadina che può essere di quelle rosse riscaldanti. Il termostato deve interrompere il circuito della lampadina quando arriva in temperatura la camera calda.
  • Inserire all'esterno della scatola un termometro digitale con sensore che arriva fino all'interno dell'incubatrice.

  • All'interno della scatola isolare la lampada con una retina metallica in modo che i pulli di Agapornis non vadano a contatto con la stessa.
  • Inserire all'interno una vaschetta d'acqua alta 2 centimetri larga 6-7 che servirà a mantenere la giusta umidità,inserire poi un vasetto con la funzione di nido per i pulli.
  • Altro materiale ecessario sarà sicuramente carta assorbente che dovrà essere cambiata ogni giorno per mantenere la pulizia del nido.
  • Ora accendete la camera calda prima di inserire i pappagallini in modo che si riscaldi, regolare la temperatura con il termostato.
  • Buono svezzamento!
Se questo articolo ti è stato di aiuto e vuoi leggerne molti altri iscriviti gratuitamente al blog e clicca su SEGUI!
A presto!

Consigli per la gabbia 
Le  gabbie per gli Agapornis dovrebbero essere sempre a sviluppo orizzontale e di forma rettangolare.
Questo per permettere ai pappagallini di svolazzare per bene, quindi evitate le gabbie rotonde troppo piccole per loro.
La dimensione ideale sarebbe 50X50X60 per una coppia.
Per il vostro Agapornis allevato allo stecco io consiglio le gabbie con apertura superiore che sono molto pratiche! Infatti il pappagallino può stare appollaiato nel posatoio superiore e mentre è li se sporca lo fa nella gabbia.
Se volete un consiglio per l'acquisto vi lascio un link di una gabbia in vendita su Amazon: IMAC GABBIA AGATA
Questa mi sembra la soluzione ideale, inoltre è già completa di tutti gli accessori.

----- AGGIORNAMENTO  DELL'ARTICOLO  07/01/2015 -----

Aggiorno questo articolo in quanto ho recentemente avuto modo di provare un nuovo riscaldatore che può essere usato per realizzare in maniera facile ed economica una camera calda per allevare allo stecco gli Agapornis.

Si tratta dello ScaldaNido, una piastra riscaldante in alluminio che basta collegare ad una spina elettrica ed inserita al di sotto del nido, o al di sotto dei panni dove dorme il pullo, è in grado di mantenere una temperatura impostata dall'utente:
40°C dal giorno 20 al giorno 30
33°C dal giorno 30 al giorno 40
25°C dal giorno 40 al giorno 50 


La piastra ScaldaNido ha molti vantaggi rispetto il vecchio sistema termostato-lampadina:
  • Piu certezze per i pulli: la lampadina si può rompere la piastra no.
  • Temperatura controllata: con lo ScaldaNido all'interno della camera calda non ci sono elementi roventi perchè la temperatura che raggiunge la piastra è quella impostata dall'utente (vedi sopra) quindi anche se il pullo entra in contatto con la piastra non ci sono problemi.
  • Più sicurezza: lo ScaldaNido lavora a 12V e non 220V come la lampadina.
  • Niente luce abbagliante: lo ScaldaNido  non emette luce che può infastidire gli occhi deboli dei pulli.
  • Consumi ridotti: i consumi con lo ScaldaNido sono di soli 10W da acceso e quando a regime si riducono ulteriormente in quanto si spegne in automatico.
  • Dimensioni ridotte: la piastra ha dimensioni 12cm X 12cm X soltanto 6mm di spessore.
  • Economico: lo ScaldaNido viene venduto in KIT con tutto compreso (ScaldaNido, Alimentatore, Panno protettivo, iscruzioni) e il prezzo è inferiore rispetto alla spesa per acquistare termostato + lampadina + fili etc...
Per saperene di più leggi l'articolo che gli abbiamo dedicato:
http://www.agapornisitalia.com/2014/11/cove-protette-in-inverno-con-lo-scalda.html

Per richiedere i prezzi consulta la seguente pagina:
http://www.betta.technology/index.php/prodotti/riscalda-nidi

Alla prossima ciao a tutti!







20 commenti:

  1. perfetto quando sara' pronta ti faro sapere.un domando come faccio a far spegnere la lampadido quando sara' arrivata a temp. grazie pigi

    RispondiElimina
  2. mi chiedevo se il termostato deve essere xforza quello digitale da voi indicato o puo essere anche qualsiasi altro tipo di termostato...grazie

    RispondiElimina
  3. Il termostato più essere anche un semplice termostato meccanico. Quello che vedi nelle figure digitale è soltanto il termometro che ho usato io, lo scelto digitale per avere più precisione. Il termometro non comanda niente serve solo per controllare la temparatura il termostato invece deve stare all'interno della scatola e spegna la lampadina quando arriva a temperatura. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ma quanto deve essere la temperatura?

      Elimina
  4. ti ringrazio tantissimo...ma l'incubatrice serve solo per i pulli appena nati??? e mi chiedevo anche che se i pulli anno una settimana piu o meno cebisognio di metterlo nell'incubatrice???

    RispondiElimina
  5. L'incubatrice serve solo nel caso che si vogliano allevare dei pulli allo stecco.
    Questa pratica viene usata per addomasticare meglio gli inseparabili. Per allevare allo stecco un agapornis va prelevato dal nido a 15 giori di vita e nutrito con gli apositi prosotti e tenuto dentro una camera calda.
    La camera calda sopra descritta non ha altra funzione che questa, non è un incubatrice per le uova ne può essere usata per altri scopi.
    Un piccolo di una settimana di vita difficilmente soppravviverà senza genitori in quanto deve essere nutrito continuamente ogni 2 ore (24/24).

    RispondiElimina
  6. dove potrei comprare un termostato?lo trovo gia attaccato alla lampadina o devo fare io?

    RispondiElimina
  7. No! non lo trovi attaccato alla lampadina! Il termostato è uno strumento a se stante (come un tester o un tosta pane per fare un esempio).
    Ha un ingresso (sensore di temperatura) e un uscita (un contatto che si chiude quando la temperatura rilevata è inferiore a quella impostata). I termostati più semplici sono meccanici con una rotella davanti per regolare la temperatura(prezzo 15-20 euro) quelli più sofisticati sono elettronici con display e regolazione oltre della temperatura anche dell'ora (fino a 100e). Dovresti riuscire a trovarli in tutte le ferramente o dal tuo idraulico di fiducia.

    RispondiElimina
  8. Per collegarlo alla lampadina basta che colleghi il contatto del termostato come interruttore di uno dei due fili della lampadina.

    RispondiElimina
  9. la temperatura quale dev essere e poi un termostato qnd puo costare

    RispondiElimina
  10. qnd puo venire a costare tutto compreso ?

    RispondiElimina
  11. La temperatura all'interno della camera calda varia nel tempo di crescita del pullo.
    Quando ha 15 giorni sono circa 30 gradi, quando cresce si diminuisce fino a 20 gradi quando ha il piumaggio completo.
    Il prezzo per il termostato meccanico è minimo 15euro

    RispondiElimina
  12. ciao a tutti scusate la domanda ma la lampada rossa per scaldare va bene anche quella dei rettili per costruire una camera calda

    RispondiElimina
  13. Si va benissimo, tenuta a giusta distanza ovviamente.

    RispondiElimina
  14. scusate la domanda io ho letto ke il termostato deve stare all'esterno della scatola mentre il diciamo timer all'interno della scatola io ho comprato un diciamo cronotermostato digitale piazzato all'esterno della scatola collegando i fili alla lampada arrivando alla temperatura di 27-30 gradi dovrebbe staccare lo stesso giusto fatemi sapere

    RispondiElimina
  15. Il termostato contiene in sensore di temperatura che serve appunto a monitorare la temperatura interna della scatola, quindi va messo all'interno.
    Il cronometro serve per spegnere a certi orari ma a una camera calda non serve perchè deve essere sempre caldo.

    RispondiElimina
  16. Immagino si debbano anche fare dei buchi per fare cambiare aria giusto? quindi non è vero che servono le ventole? Ma la lampada permette al pullo di dormire?

    RispondiElimina
  17. Si certo che servono i buchi infatti c'è scritto nell'articolo.
    La lampoada permette al pullo di dormire ma anche io tempo che lo fastidi. Per questo ho consigliato lo scaldanido BettaTechnology studiato apositamente oper allevzre allo stecco: http://betta.technology/index.php/prodotti/riscalda-nidi-2

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono preziosi per noi, lascia un commento:

Segui per Email