martedì 24 novembre 2009

La riproduzione in cattività degli Agapornis

La riproduzione degli inseparabili è un argomento molto vasto..per questo sarebbe difficile dire tutto in un articolo ma toccheremo i punti più importanti che bisogna conoscere.
Un libro che consiglio di tenere nello scaffale di un allevatore di pappagalli è Allevamento ed etologia dei pappagalli. Vi si possono trovare molte informazioni utili a migliorare il nostro allevamento sia per pappagallini che pappagalli di grande taglia.



LA FORMAZIONE DELLE COPPIE DI INSEPARABILI:
Se si desidera fare riprodurre una coppia di Agapornis occorre inanzi tutto assicurarsi che siano una COPPIA! Anche se non sembra, questa è la cosa più difficile. Pochi sanno infatti che gli inseparabili, come molte altre specie di pappagallo, non presentano diformismo sessuale visibile all'occhio umano.
Diffidate per cui di qualche facilitone che vi dice "quello con la testa nera è il maschio e quello con il becco rosso è la femmina.." sono tutte favole!
Bisogna quindi adottare dei metodi alternativi per decretare il sesso tra cui: Test del DNA (certo), sessaggio endoscopico (certo), palpaggio delle ossa pubiche (incerto) e "prova di convivenza e riproduzione" . Quest'ultimo metodo non lo troverete in giro perchè è stato ideato da me! infatti tutte le mie coppie le ho formate studiando il comportamento dei soggetti in questione e quindi provando a metterli in riproduzione ed osservando i risultati. Sicuramente è il metodo più lungo ma anche più economico.
Bisogna avere passione per questi pappagallini per farlo..studiando i comportamenti durante la convivenza e osservando i risultati delle covate sono riuscito dopo vari tentativi a formare le mie coppie.
Morale della favola non fidativi di chi vi dice che un soggetto è maschio o femmina senza avere adottato uno di questi metodi, se volete fare presto prendete dei soggetti sessati chirurgicamente o col DNA se invece avete pazienza e posto prendete due soggetti che vi piacciono e provate a farli riprodurre vedendo i risultati saprete se va bene o se avete bisogno di un maschio o di una femmina.


PERIODO RIPRODUTTIVO DEGLI AGAPORNIS:
Il periodio riproduttivo consigliato per gli inseparabili varia a seconda dell'area geografica dove si trovano, in generale vale la regola di non farli riprodurre e covare nei periodi in cui la temperatura supera i 30 gradi, periodi nei quali i nostri amici pennuti fanno la muta.
Nella nostra bell'Italia il periodo per la riproduzione consigliato va da Settembre a Maggio, nei mesi più freddi per cui.
Durante l'estate è bene lasciare gli uccelli ad un periodo di riposo.


TEMPI DI RIPRODUZIONE, COVA E SVEZZAMENTO DEGLI AGAPORNIS:
I tempi di riproduzione prima che la femmina deponga il primo uovo sono molto soggettivi possono andare dai 40 giorni ai 10 nelle coppie più affiatate.
Da quando la femmina depone il primo uovo passano 24-25 giorni prima che questo si schiuda (e di seguito tutti gli altri). Le uova deposte possono variare da 4 a 7 non di più.
Quando un pullo nasce le sue dimensioni sono di circa 2 cm , dopo due giorni è già raddoppiato e così via fino a 50 giorni momento in cui sarà adulto e raggiungerà l'indipendenza.


MATERIALE E PRECAUZIONI DURANTE IL PERIODO DI RIPRODUZIONE:
Dal momento in cui inseriremo nella gabbia un nido ed il materiale per imbottirlo la coppia inizierà a prepararsi per la riproduzione.
Affichè la coppia sia felice e quindi stimolata per iniziare a riprodursi deve avere il giusto spazio nella gabbia. Una gabbia rotonda di piccolo diametro non va bene per loro.
Meglio optare per delle gabbie rettangolari a sviluppo orizzontale, sono meno belle ma li possono svolazzare meglio (ricordate che il loro volo è in orizzontale).
Le dimensioni della gabbia dovrebbero essere circa 50X50X60 per una coppia.
Se poi la vostra coppia è formata da dei soggetti allevati a mano potete prendere una gabbia con apertura superiore dove si può mettere un trespolo che è molto comodo, per esempio come questa:IMAC GABBIA AGATA

Gli Agapornis sono abili costruttori di nidi, come materiale possiamo fornirgli rametti di salice, giunco, paglia per conigli nani, olivo, bambù..etc..
Per stimolare la riproduzione aumenteremo un po le calorie nella dieta, non deve mancare infatti il pastoncino giallo all'uovo, cibi contenenti vitamina E come i pomodori o altre verdure ed infine l'importantissima vaschetta per il bagnetto.


CONSIGLI E CONCLUSIONI:
Non forzate troppo le vostre coppie è bene non farli riprodurre più di tre-quattro volte l'anno.
La prima covata di una coppia molto probabilmente sarà bianca specie se formata da soggetti giovani. Se i due soggetti che formano la coppia litigano spesso o trovate traccie di sangue nei posatoi è meglio dividerli..probabilmente sono due femmine.
Se vi sono più coppie all'interno dello stesso ambiente è bene che queste siano isolate l'una dall'altra e che quindi non si vedano, per ottenere ciò basta inserire dei pannelli divisori (opachi) tra le gabbie.

Se ti è piaciuto l'articolo iscriviti a questo blog e diventa sostenitore cliccando sull'icona SEGUI alla destra del tuo schermo...ne leggerai così molti altri!
Grazie di averci seguiti a presto!
Saluti a tutti!

38 commenti:

  1. Istruttivo e molto utile

    RispondiElimina
  2. Molto interessante ed istruttivo

    RispondiElimina
  3. Ciao sono catia, i pappagallini nati sono autonomi ,devo togliere il nido? Si accoppieranno madre e fligio ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pappagallini sono autonomi al sessantesimo giorno di età.

      Elimina
    2. Mi è fuggita la femmina mentre pulito la gabbia e stava covando le uova ora è rimasto solo il maschio può covare lui ?

      Elimina
    3. SI ma difficilmente porterà avanti la nidiata da solo.
      Lascia la gabbia all'aperto in maniera che il maschio richiami la femmina.

      Elimina
  4. Ciao, ho un inseparabile femmina, è svezzata a mano e sta spesso fuori gabbia. Quasi ogni 3 mesi fa delle uova ed è molto nervosa durante questo periodo. Tanto vero che mi sgranocchia tutto quello che trova in casa addirittura anche le cornici in legno ecc... Visto che vive da sola con noi già da ca. 3 anni ed è molto abituata a stare con noi, vorrei sapere se mettendoli un maschio solo adesso, lo accetterebbe? E sopratutto se poi li faccio uscire molto meno dalla gabbia (magari prendendo una gabbia più grande) soffrirebbero? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può fare, inseriscilo con le dovute attenzioni.

      Elimina
  5. Il maschio dovrebbe essere posto in una gabbia vicino a quella della femmina perchè si conoscano pian piano .Si possono mettere insieme nella gabbia del maschio dopo che la femmina dia segni di avvicinamento. Spostare la femmina , non il maschio.
    Le femmine sono più aggressive. Alla gabbia applicare un nido e fornire rametti di salice, io nel nido metto trucioli depolverati per criceti .Così potrebbe funzionare ma i comportamenti sono molto diversi da soggetto a soggetto.

    Se la gabbia è grande e la coppia si affiata non soffriranno.

    RispondiElimina
  6. Salve a tutti! Interessantissimo articolo! Ho letto che non dovrebbero riprodursi durante il periodo estivo ma sia i miei Parrocchetti Monaci sia gli Agapornis hanno deposto le uova. Ora posso dire con sicurezza che per i Parrocchetti non ci sia nessun problema in quanto l'anno scorso in questo periodo una coppia che pensavo fosse sterile mi ha dato la gioia di poter allevare altri due pulli ma per quanto riguarda gli Agapornis? La femmina entra ed esce dal nido (in legno) che le abbiamo messo nella gabbia (una voliera davvero enorme suddivisa tra inseparabili e parrocchetti) ma non ha usato alcun materiale per creare un fondo per il nido (giusto un pò di piume e un pò di materiale sintetico consigliatomi) Ho letto di vaschette d'acqua da mettere all'interno del nido per aumentare il grado di umidità e quindi rendere meno duro il guscio. Cosa consigliate per questa "cova estiva"? Aggiungo che sono molto affezionato a loro e più che alla prospettiva di avere altri due o tre pappagalli sono più preoccupato per la salute e il benessere dei due adulti. Grazie in anticipo!

    RispondiElimina
  7. Grazie molto utile. Tutto combacia con quanto sta accadendo nella mia gabbia.

    RispondiElimina
  8. appena schiuso il terzo uovo di 4... papy e mamy sono fantastici !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo! Complimenti e buon proseguimento

      Elimina
  9. Molto utile ma ho un problema:circa l'anno scorso mia mamma mi ha preso una coppia di inseparabili roseicollis da un'allevatore che era in una fiera solo che era anche di altri esemplari.Un giorno vidi che la femmina faceva striscioline di carta e così comprai un nido c'entrano ma ci stanno solo per dormire! E hanno circa 3 anni. Ho notato che delle volte l femmina vuole"scanzare" il maschio mentre mangia e delle volte si fanno i dispetti ma non facendosi male. Ma il punto è: perché non si accoppiano? ? GRAZIE

    RispondiElimina
  10. Ciao, per prima cosa devi capire se sono maschio e femmina veramente. Ti consiglio di farlo sessare con il nostro laboratorio convenzionato.http://www.agapornisitalia.com/2016/04/nuova-convenzione-agapornisitaliacom.html?m=1
    Spenderai sui 10e e dopo vedrai se é il caso di tenerli ancora assieme o cambiare coppia.

    RispondiElimina
  11. Molto interessante tutto cio' che ho letto...anch io avendo pazienza e spazio cerco di formare coppie attraverso l osservazione dei comportamenti. A tal proposito ti chiedo : in caso di novelli di 2 mesi e mezzo e' presto o gia si puo' tentare di formare coppie ? ( so gia di avere su 5 soggetti , 2 femmine per via del sessolegato)
    Grazie per la risp

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao grazie. Be a tre mesi potresti già dividerli in coppie, perché no.

      Elimina
    2. Ok.
      Per ora grazie e a presto per eventuali nuovi quesiti o discussioni

      Elimina
  12. Ciao a tutti
    Avrei un paio di domande per gli esperti :
    1) in una coppia in cui il Maschio e' portatore di una mutazione , i nati con quella mutazione sono sicuro delle FEMMINE?
    2) In un maschio pezzato portatore di questa mutazione i nati pezzati sono femmine quindi ?
    Grazie a chi vorra' rispondere

    RispondiElimina
  13. Io non sono esperto di mutazioni sessolegate ma nel nostro forum c'è chi le sa rispondere: http://www.agapornisitalia.com/p/forum_2.html?m=1

    RispondiElimina
  14. Gli inseparabili si accoppiano contestualmente prima di ogni uovo o più volte prima della deposizione del primo uovo? Le uova devo toglierle man mano e poi rimetterle tutte insieme o lasciarle anche se i polli saranno più o meno piccoli tra loro? Gli ultimi nati potrebbero essere sopraffatti dai più grandi? Grazie mille per la risposta. Stella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli inseparabili si accoppiano più volte. Le uova vengono deposte a giorni alterni, un giorno si un giorno no. Normalmente arrivano a 4-7 uova. Non é necessario togliere le uova dal nido, come invece viene fatto con i canarini, gli inseparabili sapranno benissimo prendersi cura dei pulì nati, anche i più piccoli.

      Elimina
  15. Salve a tutti! È possibile far riprodurre la mia coppia riproduttrice nella stessa gabbia (molto grande) in cui ci sono 2 maschietti nati dalla stessa coppia un anno fa? non vorrei separarli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende quanto grande é la gabbia. Diciamo
      Che per 4 esemplari dovresti sempre avere almeno una 120x60x50. Poi bisogna sperare che i due figli non vadano a disturbare la madre nel nido.

      Elimina
    2. Ho una gabbia 146x54x54cm...magari li tengo insieme. Poi, se vedo che mentre la femmina comincia a preparare il nido loro le danno fastidio, li allontano. Grazie mille!

      Elimina
    3. Ok allora può andare bene

      Elimina
  16. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  17. salve a tutti possiedo un inseparabile maschio,testato con sessaggio delle piume,da piu di un anno allevato a mano.Ho deciso di mettere una femmina che non e allevata a mano.noto che dopo un mese che stanno insieme,metto il nido e succede che lei ci va a dormire a nascondersi da me e ci fa anche le feci...come faccio a farli riprodurli..grazie

    RispondiElimina
  18. Un mese di solito ci vuole che la coppia diventi affiatata...poi bisogna lasciare fare alla natura. La cosa che puoi fare tu è stimolare mettendo a disposizione nella gabbia rametti freschi di salice piangente, acqua, pastoncino all'uovo e grit per pappagalli. Per il resto aspetta e lasciali soli. P.S. Sei sicuro che sia femmina?

    RispondiElimina
  19. Salve a tutti,io ho un maschietto allevato a mano di due anni, gli ho preso una femmina sessata con DNA, dopo circa 40 giorni ho messo nella gabbia il nido e l'occorrente per per il fondo. lei ha deposto a giorni alterni 5 uova ma fatta la speratura sono risultate infeconde. il problema secondo me è che non si accoppiano.forse lui non è capace. la imbocca si fanno effusioni ma mai la monta anche quando lei fa l'aeroplanino. come posso rimediare???

    RispondiElimina
  20. Sei certo che lui sia un maschio? Se lo é non ti preoccupare, dagli tempi e i risultati arriveranno.

    RispondiElimina
  21. Buongiorno a tutti. Ho una coppia di inseparabili in una grande voliera fuori al giardino. La loro posizione e' sempre stata la stessa (sotto la pianta di ulivo). Questa sera in giardino avremo ospiti a cena (con numerosi bambini). E' opportuno secondo voi spostare la gabbia in un punto piu' tranquillo in modo che stiano lontani da luci e schiamazzi? O posso lasciarli nel loro solito posto avendo cura di coprirli? Grazie

    RispondiElimina
  22. Visto che é sera e loro dormiranno io consiglio di coprire la gabbia e quindi spostarla in un luogo appartato. A festa finita riposizionare la gabbia e togliere la copertura. Ciao!

    RispondiElimina
  23. Ciao xche la prima covata e andate male dopo più di 30 giorni le uova nn si sono schiuse . Li o aperti io e uno era vuoto e uno era pieno ma era morto come mai

    RispondiElimina
  24. Ciao! La mortalità embrionale può avere diverse cause. Batteriche, virali o genetiche. Direi anche una cova venuta male per il freddo ma in questo periodo é impossibile praticamente. Per scoprirlo dovrebbe far analizzare le uova da un veterinario.

    RispondiElimina
  25. Ciao ho una coppia di inseparabili da 9 mesi mi ha fatto un uovo al fondo della gabbia e all'ora gli ho messo il nido stamattina ho trovato un altro uovo che faccio tolgo il nido e poi a l'anno gle lo rimetto xche loro anno solo 9 mesi mi anno detto che la femmina può morire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non muoiono mica, se ormai hanno iniziato lasciali fare...

      Elimina
  26. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono preziosi per noi, lascia un commento:

Segui per Email